Chiusura
Vedi tutti

Milano-Torino, i velocipedisti del 1876

23/02/2023

Foto di repertorio RCS Sport : Fiorenzo Magni 

 

La Milano-Torino, si sa, è la corsa più antica del mondo. È nata nel 1876, quando otto corridori, anzi velocipedisti, si sfidarono in sella a biciclette primordiali. Ad organizzarlo fu il Veloce-Club di Milano il 25 maggio di quell’anno, con partenza da Porta Magenta a Milano alle 4 di mattina. Da Milano si andava in direzione Magenta, Trecate, Novara, Cameriano, Borgo Vercelli, Vercelli, S.Germano, Tronzano, Cigliano, Chivasso, Settimo e Torino, con arrivo posto presso la “barriera” di Porta Milano a Torino. Poteva parteciparvi chiunque volesse provare a cimentarsi in quella che al tempo era una vera e propria pazzia: il Veloce-Club Milano aveva posto un numero minimo di 10 partecipanti per far partire la gara, ma alla fine decise di dare il via alle danze anche solo con 8 velocipedisti.

In qualche modo andavano premiati tutti coloro i quali sarebbero stati in grado di portare a termine la prova: il primo si portava a casa una medaglia d’oro e 100 lire, il secondo un’altra medaglia d’oro e 70 lire, il terzo ancora una medaglia d’oro e 30 lire, il quarto una medaglia d’oro e 20 lire. Tutti coloro che arrivavano a Torino entro le 14 ore di corsa, comunque, si sarebbero portati a casa una medaglia d’argento.

All’uscita di Milano, gli 8 partecipanti, tutti milanesi, furono accolti da 10 mila persone in festa che applaudivano il loro coraggio, erano le origini dello sport più popolare per eccellenza. Per rendere l’idea, i velocipedisti pedalavano su “biciclette” le cui ruote avevano una circonferenza di 4 metri. Il primo a giungere a Torino fu proprio il dorsale numero 1, Paolo Magretti, un naturalista ed esploratore, che arrivò alle 14.20, mentre mezz’ora dopo fu il turno del dorsale numero 8, Carlo Ricci Gariboldi, che morì al termine dell’anno seguente.

“Mezz’ora dopo il numero 8 e alle 16 altri due concorrenti, cui mancò la lena, e non lungi dalla barriera scendere a cercare forze in un po’ di riposo e di cibo – si legge sulle cronache dell’epoca – La breve sosta valse a due altri che, dopo essersi rifocillati al Ponte Stura, giunsero alla meta alle 17 precise. Ad un altro più sfortunato si ruppe il veicolo presso la Stura”.

La prima Milano-Torino creò scalpore, in tanti si opposero a quella follia, così per 17 anni non venne più organizzata. Tornò solo nel 1893.

Seguici
sui social
# milanotorino
official partners
institutional partners
official suppliers